Natale in Provenza
Celebrazione, origine, albero e presepe natalizi, “santon” provenzali

Hyères La Londe Bormes Le Lavandou Rayol Canadel Cavalaire Croix Valmer Saint Tropez Var

Celebrazione del Natale

Il Natale è la celebrazione della nascita di Cristo nel mondo cristiano e risale al IV secolo. La data del 25 dicembre è stata scelta dalla chiesa romana intorno all’anno 354 per soppiantare le feste pagane esistenti fino a quel momento. Prima di questo periodo, la nascita di Cristo veniva festeggiata il 6 gennaio, giorno dell’Epifania. Precedentemente all’era cristiana, i romani festeggiavano i saturnali, dal 17 al 24 dicembre, in onore di Saturno e di Kronos, il dio greco della semina – incatenato da Zeus per aver divorato i suoi figli. Durante i saturnali, tutte le disuguaglianze sociali scomparivano e gli schiavi prendevano il posto dei padroni che li servivano. Alla fine del IV secolo, l’Epifania subentra ai saturnali. Il 25 dicembre è anche la notte più lunga dell’anno. In quest’occasione, i romani convertiti sacrificavano un toro in onore di Mitra, dio della luce. Questa festa aveva il nome di "Sol Invictus" (sole invitto). Il culto di Mitra si oppose al cristianesimo in tutta Europa fino in Bretagna e sulle rive del Danubio

.

Origine della parola Natale

L’origine può essere la contrazione della parola latina novella che nel Medioevo serviva ad annunciare le buone notizie. Nel Medioevo, "Noël! Noël!" era il grido di gioia emesso dalla folla per l’arrivo di un evento felice. Ma, può anche avere la sua etimologia nell’espressione latina "natalis dies" che significa giorno di nascita. Per alcuni, la parola deriverebbe dal gallico "Noio hel" che significa nuovo sole. La si ritrova nelle radici latine. Italia: Natale. Portoghese: Natal. Spagnolo: Navidad. Nedeleg in Bretagna. Nadal in Provenza. Noué nel Nord. Nouel in Normandia. Nouvé nella Franca Contea... Spesso, le grandi feste religiose cristiane e le feste pagane si alternavano, è quindi difficile trovare le origini esatte della parola Natale..

.

L'albero di Natale

È uno dei simboli più diffusi della festa del Natale. Prima della nascita di Gesù Cristo i romani decoravano le loro case con foglie e rami di agrifoglio, edera e abete per la festa dei Saturnali. In Francia la prima traccia ufficiale dell’albero di Natale si trova in Alsazia con un editto del 1521 che autorizza il popolo a tagliare dei piccoli abeti e le prime descrizioni dell’albero di Natale a Strasburgo risalgono al 1605. A quel tempo, l’abete, simbolo di vita o "albero della vita" era decorato con rose di carta, carta colorata, mele rosse e varie leccornie. È nel 18° secolo che l’albero di Natale fa il suo ingresso nelle chiese. In Germania, vi era un’antichissima abitudine che consisteva nel decorare le finestre, i vetri, le porte e i soffitti con rami di edera.

.

Il presepe di Natale

San Francesco d’Assisi, nel 1223, mise per la prima volta in scena la Natività di Cristo mescolando personaggi viventi e statuine. Ispirato ai "Pastrages" durante la messa di mezzanotte che erano delle rappresentazioni della Natività interpretata dai pastori, queste ultime erano costituite da personaggi semplici in cartone e carta ondulata. I personaggi all’inizio rappresentavano solo la Sacra Famiglia e alcuni pastori, a cui si sono poi aggiunti nel XVIII secolo dei personaggi provenzali. È di quel momento la comparsa dei presepi pubblici che erano talvolta meccanici (cfr. museo di Aix-en-Provence). Il loro successo comportò la comparsa di canti e di veri e propri spettacoli sulla Natività che portò le persone stesse a desiderare di avere il loro presepe. Ultima tradizione legata al Natale in Provenza, la Pastorale era all’origine delle scenette interpretate durante le messe in prossimità del Natale (vi venivano rappresentati dei quadri, l’arrivo di Giuseppe e Maria, l’arrivo di Gesù, l’arrivo dei re magi). I presepi sono diventati più grandi per fare posto a più personaggi: la Sacra Famiglia, i pastori, ma anche i pescadous (pescatori), i boumians (zingari), dei vecchi come Grasset e Grassette, l’arrotino ubriaco, Pistachié e Giget entrambi balbuzienti e un po’ babbei...


I santon
I primi santon erano preparatiLiliane Guiomar con la mollica del pane, ma poco a poco si è preferita l’argilla Liliane Guiomarrouge della Provenza per la produzione. Se i santon sono rimasti a lungo fragili creazioni in argilla cruda, la cottura dell’argilla si è imposta un po’ ovunque ai giorni nostri. Il marsigliese Jean-Louis Lagnel fu, intorno al 1800, il primo produttore di santon. Da allora, il mestiere di produttore di santon si annovera tra i mestieri tradizionali della Provenza. Oggi esistono un centinaio di laboratori di santon tra Marsiglia, Aubagne, Aix-en-Provence, Arles e in molti piccoli villaggi disseminati nella regione. Molti sono diventati famosi nella loro arte come Liliane Guiomar esposta a Marsiglia e in Giappone o Escoffier, Rampal, Marcel Carbonel e molti altri esposti in Provenza...

.

Il ceppo natalizio

Qualche giorno prima di Natale, viene accuratamente scelto un grosso tronco o ceppo e la preparazione di quest’ultimo segue un rituale molto preciso. Dopo essere stato tagliato prima dell’alba, viene decorato con foglie e nastri. Deve essere portato a due fino al camino e in alcune regioni essere benedetto dal capofamiglia prima di essere acceso dal più giovane della famiglia o essere acceso con tizzoni del ceppo di Natale dell’anno precedente o bagnato con vino cotto. Deve bruciare il più lentamente possibile per tutta la notte di Natale e in alcune regioni deve durare fino all’Epifania. Le ceneri del ceppo natalizio avevano virtù magiche. La loro conservazione proteggeva la casa dai fulmini e scongiurava la cattiva sorte o migliorava i raccolti.

fleche Centanario fleche fontane fleche Gemellaggi fleche fleche Mercati fleche Cicloturismo

C.G.I. Billon


Agnes Malecki
Camp du Domaine

La Meridienne

Carte littoral varois Hyères les Palmiers La Londe les Maures Bormes les Mimosas Le Lavandou Le Rayol Canadel Cavalaire sur Mer La Croix Valmer Saint Tropez

seguici su
Facebook


Mappa del sito
| Elenco | Pubblicità | Partner | Lavoro | Contatto | Avviso legale | Provenceweb