Carnevali - Corso fiorito - Mimosa sulla Riviera

Corso Fiorito Lavandou  con battaglie dei fiori marzo 2020 | Corso Bormes febbraio 2020 | Cavalaire febbraio  2020 | La Londe 06 aprile 2019 | Sainte-Maxime febbraio 2020 | Carnavale di Nizza 15 febbraio - 1 marzo 2020 | Menton, 86e Festa del limone 15 febbraio - 02 marzo 2020 | Mimosa parade la Napoule febbraio 2020 | Gran Carnaval di Cogolin marzo 2020

Carnavale La Londe les Maures - 06 aprile 2019
Corso Bormes-les-Mimosas  - febbraio 2020
Corso fiorito Lavandou - marzo 2020
Il Corso Fiorito di Lavandou comprende venti carri decorati con migliaia di fiori naturali accanto a cheerleaders, musicisti, fanfare e trovatori con la famosa battaglia di fiori in chiusura. Sabato 16 marzo dalle 10 alle 12: laboratorio creativo per bambini - dalle 14.30 alle 16.30: visita dei carri armati in costruzione - dalle 18.30 alle 21: proiezione video in audio e luci. Domenica 17 marzo (ingresso a pagamento) ore 14.30, apertura ufficiale del Corso Fleuri e parata dei carri allegorici - ore 16.30 Battaglia dei fiori - ore 18.30 premio per i carri più belli
Carnevale di Nizza | Re della moda | 15 febbraio - 01 marzo 2020
La storia e la tradizione delle sfilate di carri fioriti
Piccola storia delle sfilate di carri fioriti. L’Egitto e la Grecia sono verosimilmente la culla delle sfilate di carri fioriti. Nei loro culti pagani, gli Egiziani celebravano il toro Apis, mentre i Greci veneravano quello di Bacco, che era immolato in mezzo alle danze rituali e alle grida di gioia. Qualche volta, in alcune civilità, una vittima umana sostituiva il bue. Fin del 1420, per la festa del Carnevale, un bue ornato di piume e di stoffe cangianti faceva il giro della città, trasportando sulla schiena un bambino soprannominato il “Re dei Macellai”. Questa pratica fu proibita nel 1790 poi ristabilita nel 1805. In seguito, il bue e il “Re dei Macellai” furono sostituiti da un carro pieno di ragazze vestite di costumi che si riferivano alla mitologia antica e simboleggiavano l’Amore (da questo proviene il “carro della Regina”). Poi la sfilata si ispirò alla tradizione italiana, con i suoi carretti decorati con frasche e trascinati a braccia per le strade dai partecipanti che, in questa occasione, erano eccezionalmente autorizzati a prendere in giro i notabili locali. A partire dal 1950, le sfilate organizzate nel Sud della Francia hanno preso la piega di spettacoli essenzialmente turistici, con la partecipazione di majorette, di fanfare e di gruppi folkloristici, l’apparizione di battaglie di fiori, lo sviluppo di tribune a pagamento e di aree luna park, senza dimenticare la presenza sempre più diffusa dei trattori che hanno largamente sostituito i cavalli... Tutto questo, purtroppo, a scapito della tradizione e della dimensione spirituale originaria delle sfilate,.

Bailli de SuffrenAgnes Malecki

Camp du Domaine

Booking
Interhome
Carte littoral varois Hyères les Palmiers La Londe les Maures Bormes les Mimosas Le Lavandou Le Rayol Canadel Cavalaire sur Mer La Croix Valmer Saint Tropez
Camp du Domaine social media
France Billet

Mappa sito
| Elenco | Pubblicità | Partner | Lavoro | Contatto | Avviso legale | Provenceweb